Non possiamo fare chiudere gli stabilimenti balneari

Il lavoro che sta portando avanti l’assessore Di Betta per far rinviare la liberalizzazione delle concessioni demaniali è un buon punto di partenza ma l’aumento dei canoni per le concessioni e le questioni fiscali del settore sono ormai problemi improcrastinabili.

Questo settore è strategico per la Sicilia e il rilancio e lo sfruttamento turistico delle coste potrebbe risolvere tanti problemi occupazionali per i giovani.  Concordo che occorre una semplificazione delle procedure amministrative mentre sono contrario all’aumento del canone per il rilascio delle  concessioni.

In oltre l’adeguamento ai  canoni pagati per le concessioni con il resto d’Italia,  non mi sembra , almeno per ora,  una strada percorribile in quanto i servizi che per esempio a Rimini si vendono ad una certa cifra qui in Sicilia non si possono vendere allo stesso prezzo perché sarebbero in pochi a poterseli permettere.

Mi auguro che il tavolo tecnico nazionale che sarà istituito  dopo l’incontro dell’Assessore al Territorio della Regione , Sebastiano Di Betta,  con il  ministro degli Affari Europei, Enzo Moavero, degli Affari Regionali e il Turismo,  Piero Gnudi, dei rappresentanti delle Regioni Sicilia, Liguria e Lazio e le associazioni di categoria dei balneari potrebbe essere utile per la richiesta da parte del governo italiano di una deroga alle liberalizzazioni,  fissate per gennaio 2016 dalla direttiva Bolkenstein dell’Unione europea, in quanto Stato membro con il maggior numero di coste balneabili ma per tutti gli altri problemi  la Sicilia ha delle esigenze e peculiarità che le altre regioni italiane non hanno.

Condividi con:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Yahoo! Buzz
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo

Tags: , , , , , , ,

Categoria: Politica

Comments (3)

 

  1. Francesco scrive:

    Di Betta e’ il vero asso nella manica di Lombardo e di tutto il terzo polo!
    Facciamo decollare la Sicilia, approfittiamone e rilanciamo la nostra terra

  2. Francesco scrive:

    Ho conosciuto Di Betta nel mondo della grande impresa italiana.
    Di Betta e’ uno in grado di rilanciare veramente il settore.
    Bravo Michele, hai fatto bene ad agganciarti a Di Betta.

  3. elisa scrive:

    ci vogliono in ginocchio! Michele, solo una persona come te, nato a mare puo’ capire l’importanza dei lidi balneare…. io consiglierei: di aumentare solamente i controlli fiscali e lasciare le concessioni!!!

Commento




ATTENZIONE !! Lunghezza massima 1000 Caratteri