Grande Sud-Cimino:”Più competenze alle Province.”

Ieri la commissione Affari costituzionali dell’Ars ha posto fine alle tante discussioni sull’opportunità o meno di abolire le Province.  Io sono stato sempre contrario all’abolizione ma sicuramente sono d’accordo per una razionalizzazione e per una migliore utilizzazione di questo ente.”  Lo afferma Michele Cimino,  deputato regionale di Grande Sud. ” Si dovrebbero,  per esempio abolire gli Ato sia rifiuti che idrico tutti quei consorzi inutili che portano ad un dispendio di soldi e di competenze che invece dovrebbero essere affidate alla Provincia .  In ogni caso una riduzione dei consiglieri e degli assessori è necessaria,  come sta avvenendo in tutta Itali,  ma sicuramente è importante che la rappresentanza democratica del territorio venga mantenuta.”  Conclude Cimino.

Condividi con:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Yahoo! Buzz
  • Google Buzz
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo

Tags: , ,

Categoria: Comunicati Stampa

Comments (1)

 

  1. maria russo scrive:

    La proposta di Grande Sud sull’abolizione delle province è molto ragionevole, infatti le Province non vanno abolite bensì potenziate attraverso una serie di compiti che possono provenire dalla regione stessa. La protezione civile, ad esempio, potrebbe essere gestita interamente dalle Province, le quali hanno già una loro presenza sul territorio. Non è necessario quindi creare un’altra struttura di protezione civile regionale con diramazioni su tutte le province siciliane rischiando di essere “ELEFANTIACA”. Per tagliare le spese della regione, inoltre, sarebbe anche auspicabile razionalizzare e accorpare tanti uffici regionali: ad esempio Genio Civile e Protezione Civile, utilizzando molto personale già presente e di ruolo nei Genii Civili creando soltando un ufficio per la gestione dei volontari all’interno di quest’ultimi. Inoltre è inutile creare altro personale Dirigente o laureato, vista la moltitudine già presente nei ruoli della Regione; il personale precario, se desidera essere stabilizzato con i tempi che corrono, si deve accontentare di un contratto in categoria “B” e non in “C” e “D” addirittura senza CONCORSO!!! Stiamo attenti a quello che facciamo, l’Italia e tutta l’Europa ci GUARDANO!

Commento




ATTENZIONE !! Lunghezza massima 1000 Caratteri